L’archivio storico di Radda in Chianti

Il restauro dei tre codici, segue la pubblicazione, nel 2018, del volume “Stemmi dei Podestà e Segni dei Notai della antica Lega del Chianti”, che la Dr.ssa Fumi ha realizzato insieme ai due ricercatori raddesi Alice Ruscelli ed Emanuele Grazzini, aprendo una finestra luminosa sulla funzione del borgo chiantigiano quale “Podesteria della Lega del Chianti”, negli anni compresi tra il 1485 e il 1772. I podestà provenivano infatti da famiglie fiorentine come i Medici, gli Albizi, i Corsini o i Firidolfi, oppure da altre, meno note, del territorio chiantigiano.

read more >

Volpaia: un piccolo borgo, una storia affascinante

  di Giovanni Salvietti   Nel Comune di Radda in Chianti c’è una perla da scoprire in tutte le sue sfaccettature, nei suoi riflessi.  Grazie alla candida e nitida luce della campagna risplende ogni giorno. In un glorioso e giovane mattino conosciamo così le nostre guide: Giovanna Stianti Mascheroni e la figlia, Federica Mascheroni Stianti […]

read more >

Radda in Chianti, una terra di mezzo

Andiamo alla scoperta dello straordinario patrimonio storico ed architettonico di Radda in Chianti, con gli occhi e le conoscenze di due cittadini di eccezione: il Sindaco Pierpaolo Mugnaini e l’Architetto Daniele Barbucci, Assessore all’urbanistica con delega al turismo. Si comprende bene come il carattere di questo antico borgo, baluardo politico al confine con il territorio […]

read more >