Di Carol Coller

 

La grande bellezza della campagna Toscana, l’atmosfera di un borgo antichissimo, i grandi eventi culturali e l’unicità di un ambiente dove lo stile di vita beneficia di un contesto naturale di grande qualità.

 

Dal mese di febbraio la città etrusca gode di un nuovo collegamento veloce con le grandi città del Nord Italia. Il treno Frecciarossa consente di spostarsi fra Milano e la nostra stazione in tre ore e questo renderà ancora più facile e confortevole visitare le nostre bellezze. La situazione sanitaria è ancora difficile ma l’Amministrazione Comunale, insieme a tutti gli operatori culturali e turistici, ha pronto un programma di eventi in totale sicurezza, oltre che una serie di pacchetti che prevedono la possibilità di «rifugiarsi» insieme ai propri familiari in una delle strutture ricettive del territorio. Cortona è un piccolo centro, con un grande cuore e con un territorio vastissimo e variegato: dalla montagna, alle dolci colline fino alle vallate, dove si producono alcune delle più interessanti eccellenze enogastronomiche della Toscana. Già da questa primavera, compatibilmente con le condizioni sanitarie, saranno allestite mostre e realizzati i primi eventi della stagione. L’idea di scegliere Cortona per il proprio «buen retiro», rispetto alla vita nelle grandi città, sta iniziando a fare breccia fra le scelte degli stili di vita post-Covid19. Già alcuni professionisti hanno deciso di trascorrere qui parte del loro tempo, potendo continuare a lavorare a distanza.

 

La primavera a Cortona

 

La città etrusca si risveglia a primavera con tante iniziative per i visitatori. Auspicando un allentamento dei limiti imposti dalla pandemia e il progressivo ritorno alla circolazione, a Cortona sono già in programma piccoli e grandi appuntamenti. Il 4 giugno è prevista l’inaugurazione della nuova mostra archeologica al Maec, a maggio, sempre che le condizioni lo consentano, si terranno manifestazioni per la valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche, dalla Fiera del Vitellone a Chianina e Syrah.

Il titolo di quest’ultima iniziativa, giunta alla quinta edizione, è «La rinascita riparte dalla speranza».

Si tratta di tre giorni, dal 21 al 23 maggio, in cui si incroceranno due delle star del territorio locale: la carne chianina igp e il syrah dei vignaioli cortonesi. L’appuntamento è organizzato da Terretrusche con il sostegno dell’amministrazione comunale e la partecipazione del Consorzio Cortona Doc e vedrà la partecipazione di rinomati chef ed enologi, si susseguiranno degustazioni ma anche focus sui due protagonisti della «rinascita enogastronomica».

Ma il buon vivere cortonese non è fatto necessariamente di eventi e incontri, il territorio e le sue strutture ricettive consentono anche di trascorrere un periodo di relax senza guardare il calendario. Numerose sono le opportunità dedicate al benessere, non mancano proposte per itinerari e attività all’aria aperta, il territorio cortonese propone alcune opportunità per chi ama fare passeggiate, trail running, ma anche gite un mountain bike nei numerosi sentieri di montagna e di fondo valle.

 

La Mostra “Luci dalle Tenebre”

 

Tornano le grandi mostre al Maec, è in arrivo «Luci dalle tenebre, dai lumi degli Etruschi ai bagliori di Pompei»; la rassegna è in programma al Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, dal 4 giugno ad ottobre.

La mostra si caratterizza come un appuntamento di rilievo internazionale, ed una novità assoluta: mai finora era stata realizzata una esposizione interamente dedicata alle tecniche di illuminazione e ai rituali connessi nell’epoca Etrusca. Su questo fronte, Cortona e il Maec non potevano mancare essendo custodi del celebre Lampadario Etrusco, uno dei reperti più interessanti a livello mondiale.

In questi giorni sono state perfezionate alcune delle novità che caratterizzeranno questo evento e quella più significativa proviene dal Mann, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, da cui arriverà un prestito straordinario. La mostra si sarebbe dovuta tenere l’anno scorso, ma la pandemia ha imposto il rinvio. Nel frattempo l’evento si presenta arricchito, grazie a questo ulteriore prestito concesso dal Mann, si tratta di una statua ritrovata a Pompei rappresentante un efebo. Un’opera per la quale il Maec realizzerà uno speciale allestimento al fine di celebrarne la presenza nella sala dei Mappamondi. La statua in bronzo è alta circa un metro e mezzo e rappresenta un adolescente con un candelabro che svolgeva il ruolo di accoglienza per gli ospiti illustri nelle dimore dell’antichità.

Dal Mann di Napoli insieme all’efebo arriveranno anche delle lucerne; altri pezzi provengono dal Museo Archeologico di Firenze, ad illustrare i vari sistemi di illuminazione destinati alle più svariate attività dell’uomo; vi sarà anche una sezione dedicata alle forme tipiche della cultura nuragica. Uno spazio ampio e dettagliato sarà rivolto alla didattica, con modelli tridimensionali ed effetti particolarmente suggestivi inseriti in una «stanza immersiva» con l’utilizzo della realtà aumentata e una copia del lampadario etrusco interattivo che permetterà di conoscere in modo innovativo alcuni degli aspetti di questo importante reperto. Ma il 2021 del Maec sarà caratterizzato anche da esposizioni ed incontri dedicati alla celebrazione dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, Dante Alighieri.

 

Estate a Cortona

 

Musica, fotografia e antiquariato: ecco l’estate cortonese. Un cartellone di appuntamenti in cui la fanno da padrone gli artisti, i musicisti e la Cor Orchestra protagonisti delle rassegne musicali all’aperto. Fra i teatri naturali di questa estate non mancheranno il Parco archeologico del Maec e il parterre dove sarà possibile assistere a spettacoli in tutta sicurezza.

Fra le date in programma c’è quella di Cortona on the Move, il festival internazionale della narrativa visuale che è giunto all’edizione numero 11. L’evento si svolgerà dal 15 luglio al 26 settembre, l’esposizione delle mostre, come ogni anno, sarà realizzata nei palazzi del centro storico della città toscana e alla Fortezza del Girifalco. “We Are Humans” è il tema del 2021, con cui il festival mette al centro l’umanità e le sue relazioni.

L’altra grande manifestazione è Cortonantiquaria, la rassegna dedicata all’arte e all’antiquariato è in programma dal 20 agosto al 5 settembre, ma nel corso dell’estate non mancheranno altri appuntamenti di prestigio. Fra questi c’è il passaggio della MilleMiglia in programma il 18 giugno e sempre in tema di motori il 18 settembre c’è da ricordare il Gran Premio Nuvolari, mentre il 20 giugno è fissato l’arrivo della Colonna della Libertà, la carovana di veicoli storici militari risalenti alla seconda guerra mondiale. Nel corso delle settimane estive sono previsti eventi dedicati alla montagna cortonese, oltre a tante altre manifestazioni che, qualora le condizioni sanitarie lo consentano, saranno programmate.

 

Info: Tel. 0575 6371 / www.comunedicortona.it / info@cortonamaec.org

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriali recenti

Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Cultura ed Eventi, In Evidenza

La Valle di Piero e Raffaello

La Valle Museo è più vicina. Che cosa si intende con questa espressione? Si dice che sia stata coniata qualche buon decennio fa dal gallerista tifernate Luigi Amedei e poi sia divenuta un’efficace (e abusata) sintesi di politiche turistiche e culturali interregionali tra Città di Castello e Sansepolcro.
Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Cultura ed Eventi

Tra Piero e Frida meno di sette gradi

Perché il tempio di Piero della Francesca dovrebbe ospitare Frida Kahlo? Potrebbe sembrare uno di quegli accostamenti temerari - e spessissimo comunque di successo - a cui ci ha abituato il marketing dell’evento espositivo. Tra l’uno e altro, non ci fossero i secoli a separarli, basterebbe anche oggi la distanza spaziale tra Europa ed America Latina ma Piero della Francesca non è nuovo ad incontri impossibili a partire da quello con Burri, che, nella mostra Visitazioni del 2015, coabitò in modo pericolosamente ravvicinato con la Resurrezione. Allora i sette gradi di separazione furono garantiti dall’allestimento in due stanze diverse, oggi Frida Kahlo.
Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Ristorazione e Produttori

Borgo di Celle, l’incanto immerso nel verde

Il Borgo accoglie i suoi ospiti donando tranquillità e calma: il ristorante propone ogni sera una “Cena Benessere”, con abbinato ingresso alla Spa ed alla piscina riscaldata - che si trovano al suo interno nella curatissima zona wellness. Già, perché ‘dedicarsi a se stessi’ è qui un imperativo categorico. Non mancano poi sauna, bagno turco e idromassaggio con zona relax ed è possibile richiedere un servizio professionale di massaggi. C’è poi una seconda piscina all’aperto, magnifica e con vista sulle colline d’intorno, dove gli ospiti possono indulgere nelle calde giornate estive.