DI SIMONE BANDINI

 

C’è un posto in Umbria che merita di essere raccontato: poiché ‘raccontare’ è proprio ciò che si fa quando un luogo che abbiamo vissuto ci è rimasto nel cuore. Il nostro amato ricordo di oggi riguarda il bellissimo “Borgo di Celle: non possiamo far altro che sederci sognanti e pieni di aspettative, magari in buona compagnia, ed evocare l’ambience esclusiva di questo magnifico nucleo storico nei pressi di Città di Castello, splendidamente recuperato e strappato al degrado. Qui abbiamo la netta sensazione di tornare alla vita di una volta viaggiando miracolosamente a ritroso nel tempo.

 

Visitare il Relais di Borgo di Celle è un’esperienza da fare, tanto vale la magnifica location panoramica – che dall’alto della sua specola domina maestoso l’Alta Valle del Tevere. Ci troviamo a nord della verde Umbria, a due passi dal confine con la Toscana. Il Borgo oggi è un’ambita location di matrimoni grazie alla sua bellissima e spaziosa terrazza scenografica – ma anche al raffinato e curato ristorante ed all’intimità del favoloso centro benessere – che si prenderà cura di voi senza compromesso alcuno.

Un ‘viaggio nel tempo’ è appunto lo slogan che primeggia nel portale di questo Relais: la storia del Borgo è ricca di fascino e coglie l’attenzione del visitatore, il quale può calarsi in un viaggio immaginario e ripercorrere i fatti, gli aneddoti e le leggende che hanno segnato la sua storia secolare.

Le vicende di questo di questo ameno e bucolico paesello sono incise nelle pietre incasellate nelle mura dei suoi palazzi: la “Ruota Celtica”, la “Croce Templare” e il “Giglio di Francia” sono perfettamente visibili e testimoniano gli avvenimenti che lo hanno attraversato. Oggi Borgo di Celle, immerso e perfettamente integrato nella natura circostante, è una struttura moderna, completamente votata all’accoglienza ed alla ricettività – ed è certamente un raro angolo di paradiso.

Il Borgo accoglie i suoi ospiti donando tranquillità e calma: il ristorante propone ogni sera una “Cena Benessere”, con abbinato ingresso alla Spa ed alla piscina riscaldata – che si trovano al suo interno nella curatissima zona wellness. Già, perché ‘dedicarsi a se stessi’ è qui un imperativo categorico. Non mancano poi sauna, bagno turco e idromassaggio con zona relax ed è possibile richiedere un servizio professionale di massaggi. C’è poi una seconda piscina all’aperto, magnifica e con vista sulle colline d’intorno, dove gli ospiti possono indulgere nelle calde giornate estive.

Il ristorante è aperto tutti i giorni e offre sempre un menù alla carta. Lo chef propone una cucina tipica umbra utilizzando solo i migliori prodotti freschi di stagione, accuratamente selezionati e volti alla tutela della qualità. Ogni piatto è ben curato e studiato per esaltare i profumi e i sapori locali – ed è ben accompagnato da una imponente selezione di vini, stilata da sommelier professionisti.

Si comprende bene come il divertente e gaudente connubio tra ristorante e Spa permetta ai visitatori (anche del posto) del Relais, di fare un’esperienza completa e rigenerante, tra cucina tradizionale gourmet e cura del proprio equilibrio psicofisico. Il personale del Borgo di Celle avrà cura di consigliarvi il percorso gastronomico e di benessere più adatto alle vostre aspettative.

La terrazza esterna del ristorante è ideale per cerimonie o eventi privati e gode di un meraviglioso e torreggiante panorama. Di notte, la vista della vallata che si accende è davvero suggestiva.

Il Relais è ormai un punto di riferimento prestigioso per i matrimoni, molto apprezzato da coppie locali o ‘straniere’: la versatilità della struttura si presta ad organizzare banchetti nuziali sia nella terrazza panoramica che direttamente nella piazzetta del borgo, a compimento di un ricevimento unico nel suo genere.

 

Info: Borgo di Celle, Loc. Celle 7, Città di Castello (Pg) / www.borgodicelle.com / info@borgodicelle.it

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editoriali recenti

Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Cultura ed Eventi, In Evidenza

La Valle di Piero e Raffaello

La Valle Museo è più vicina. Che cosa si intende con questa espressione? Si dice che sia stata coniata qualche buon decennio fa dal gallerista tifernate Luigi Amedei e poi sia divenuta un’efficace (e abusata) sintesi di politiche turistiche e culturali interregionali tra Città di Castello e Sansepolcro.
Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Cultura ed Eventi

Tra Piero e Frida meno di sette gradi

Perché il tempio di Piero della Francesca dovrebbe ospitare Frida Kahlo? Potrebbe sembrare uno di quegli accostamenti temerari - e spessissimo comunque di successo - a cui ci ha abituato il marketing dell’evento espositivo. Tra l’uno e altro, non ci fossero i secoli a separarli, basterebbe anche oggi la distanza spaziale tra Europa ed America Latina ma Piero della Francesca non è nuovo ad incontri impossibili a partire da quello con Burri, che, nella mostra Visitazioni del 2015, coabitò in modo pericolosamente ravvicinato con la Resurrezione. Allora i sette gradi di separazione furono garantiti dall’allestimento in due stanze diverse, oggi Frida Kahlo.
Alto Tevere e Valtiberina Toscana, Ristorazione e Produttori

Borgo di Celle, l’incanto immerso nel verde

Il Borgo accoglie i suoi ospiti donando tranquillità e calma: il ristorante propone ogni sera una “Cena Benessere”, con abbinato ingresso alla Spa ed alla piscina riscaldata - che si trovano al suo interno nella curatissima zona wellness. Già, perché ‘dedicarsi a se stessi’ è qui un imperativo categorico. Non mancano poi sauna, bagno turco e idromassaggio con zona relax ed è possibile richiedere un servizio professionale di massaggi. C’è poi una seconda piscina all’aperto, magnifica e con vista sulle colline d’intorno, dove gli ospiti possono indulgere nelle calde giornate estive.